Sächsilüüte – Sechseläuten

La festa di primavera zurighese in uno sguardo
Sechseläuten, Zürich

25 aprile 2022, il lunedì della Sechseläuten

Dopo due anni di pausa, dal 22 al 25 aprile torna finalmente la Sechseläuten di Zurigo. Andando alla Tourist Information nei giorni che precedono l’evento, è possibile fare un selfie con il “Böögg”.

Puoi vedere i selfie già scattati qui.

Cos’è la Sechseläuten?

La Sechseläuten è una tradizione centenaria per celebrare l’inizio della primavera a Zurigo. Oltre ai membri delle corporazioni in costumi storici, l’evento è caratterizzato da bande musicali, cavalli, fiori, bandiere e dal famoso “Böögg”. Quest’ultimo è ormai il protagonista indiscusso della manifestazione: quando la chiesa di Grossmünster suona le sei in punto, gli viene dato fuoco. Prima esplode la testa piena di fuochi d’artificio, più bella sarà l’estate. Per lo meno è ciò che si dice a Zurigo.

Sotto si trovano ulteriori dettagli, per esempio su come è nata questa usanza, sulle origini del Böögg, così come consigli su una Sechseläuten perfetta.

Storia della festa

Nel XVI secolo, il Consiglio zurighese, che all’epoca era composto esclusivamente da membri delle corporazioni*, sancì che, in estate, la fine dell’orario di lavoro doveva avvenire un’ora dopo rispetto ai mesi invernali. Come segno dell’inizio della primavera, il primo lunedì dopo l’equinozio, la seconda campana più grande della chiesa di Grossmünster rintoccava puntuale alle 18. A partire da quel giorno e fino a tardo autunno, si lavorava un’ora in più. Da allora, questo primo “Sächsilüüte” (il rintoccare alle sei) è sempre stato celebrato.

*Le corporazioni

erano unioni di artigiani nate nel Medioevo. Regolamentavano interessi comuni quali salari e accordi sui prezzi e crearono un sistema fatto di stemmi, simboli e costumi propri. Sono 26 le corporazioni ancora esistenti. Non disciplinano più la giornata lavorativa dei propri membri, ma mantengono in vita usi e tradizioni.

E il Böögg?

Il Böögg è il vero protagonista della Sechseläuten. Il lunedì della manifestazione, alle 18 in punto, gli viene dato fuoco sulla Sechseläutenplatz. Essendo il simbolo dell’inverno, il falò vuole dare il benvenuto alla primavera. Ma il Böögg non è sempre stato parte della Sechseläuten. Nella galleria fotografica ci sono maggiori informazioni al riguardo.

Appuntamenti e itinerario

Domenica: sfilata dei bambini

  • Ore 14.30: fino a 3.000 bambini in costume scortano il “Böögg” sulla Sechseläutenplatz.

Il lunedì della Sechseläuten

  • Ore 15.00: 3.500 membri delle corporazioni nei loro costumi marciano per il centro storico accompagnati dalle rispettive bande, da cavalieri e da carri. Durante il corteo, vengono sommersi di fiori, dando vita a una sfilata variopinta e melodiosa alla volta della Sechseläutenplatz.
  • Ore 18.00: falò del Böögg sulla Sechseläutenplatz.

Consigli per una Sechseläuten perfetta

  • Le corporazioni si preparano alla sfilata davanti alle proprie case già all’ora di pranzo. Il centro città, gli autobus e i tram sono adornati con bandiere e/o fiori.
  • Alle 15 la sfilata ha inizio nella Bahnhofstrasse, arriva sulla Bürkliplatz, poi attraversa il ponte Rudolf-Brun-Brücke, passa dal Limmatquai e sfocia sulla Sechseläutenplatz.
  • Conviene arrivare presto sulla Sechseläutenplatz, dato che dalle 17 non si riesce quasi più a passare.
  • Alle 18 viene incendiato il Böögg. Sino a quel momento, si può provare a indovinare quanto ci vorrà prima che la testa esploda.
  • Dopo lo scoppio, sulle braci del Böögg si tiene una grigliata (ufficiosa).
  • In molti dei ristoranti e bar circostanti si respira aria di festa durante la serata. Un’occasione perfetta per chiacchierare con gli abitanti di Zurigo.
  • I membri delle corporazioni fanno visita alle altre corporazioni con lanterne, musica e i loro costumi. Un’usanza bellissima da vedere.

L’after-party ufficioso

Quando il Böögg inizia a collassare lentamente dopo il grande scoppio, gli zurighesi si radunano attorno all’enorme falò e grigliano salamelle e salsicce portate da casa fino a tarda notte, dando vita a un’allegra festa.

Leggende metropolitane, fallimenti, sfortuna e disavventure:

  • Prima esplode la testa del “Böögg”, più bella sarà l’estate. Una durata dai 5 ai 12 minuti indica un’estate soleggiata e calda. Oltre questa tempistica, i mesi estivi si preannunciano piuttosto piovosi.
  • Nel 1921, un ragazzo, presumibilmente istigato da comunisti, diede fuoco al Böögg già alle 13.30.
  • Nel 1944, la Sechseläuten si svolse nel porto di Enge, dato che sulla Sechseläutenwiese erano state piantate delle verdure. Durante quell’edizione, il “Böögg” cadde nel Lago di Zurigo.
  • Nel 1950, nel 1960, nel 1993 e nel 1994, il “Böögg” cadde dalla pira prima che la testa esplodesse.
  • Nel 2006, il “Böögg” venne rubato dal gruppo “1. Mai – Strasse frei”, ricomparve alla festa del 1° maggio sulla Helvetiaplatz e, dopo una seconda sparizione, venne ritrovato nello scantinato di un edificio scolastico. La Sechseläuten si tenne comunque, grazie a un Böögg” sostitutivo che mise a disposizione la propria testa.
  • Nel 2020, la Sechseläuten non si è tenuta per via del Coronavirus.
  • Per la prima volta nella sua storia, nel 2021 il Böögg non è stato bruciato a Zurigo. Per evitare assembramenti, è stato incendiato nella Schöllenenschlucht, Canton Uri.

Anche questo potrebbe interessarti

Poliedrica Zurigo