Georg Büchner (1813 – 1837): l'autore del “Woyzeck” a Zurigo

Poeta, naturalista, medico e rivoluzionario: il multitalento Georg Büchner trascorse gli ultimi quattro mesi della sua vita a Zurigo.

Georg Büchner trascorse gli ultimi mesi della sua vita a Zurigo. Nel 1834 Büchner fondò a Giessen la “Società per i diritti umani“, una società segreta di studenti e artigiani. La pubblicazione dei suoi scritti sull’opuscolo socialrivoluzionario “Hessischer Landbote”, all’insegna del motto “Pace alle capanne, guerra ai palazzi”, comportò alcuni arresti. Fuggì in esilio e, dopo varie peripezie, nell'ottobre 1836, giunse a Zurigo.

Abitò nella Spiegelgasse, proprio accanto all’abitazione dove Lenin avrebbe trascorso l’esilio, e divenne libero docente di anatomia comparata presso l’Università di Zurigo. Nello stesso periodo iniziò a lavorare alla tragedia “Woyzeck” che rimase a Zurigo come frammento, dato che Büchner morì prematuramente di tifo all'età di 23 anni, il 19 febbraio 1837.