Dadaisti (dal 1916): poeti e artisti al Cabaret Voltaire

Zurigo è la culla del Dadaismo. Molti poeti e artisti famosi si incontravano qui.

L'autore tedesco Hugo Ball era amico e biografo di Hermann Hesse. Con la fidanzata Emmy Hennings, una scrittrice e cabarettista tedesca, il 5 febbraio 1916 fondò il Cabaret Voltaire nella Spiegelgasse 1, a circa 100 m dall'abitazione di Lenin. Il Cabaret Voltaire divenne la culla del Dadaismo, un movimento che rifiutava le forme d'arte convenzionali e reagiva con un tocco di follia alle atrocità della Prima Guerra Mondiale.

Il poeta rumeno Tristan Tzara si unì al movimento recitando poesie. Anche il pittore, scultore e poeta tedesco Hans Arp e sua moglie, l'artista, pittrice e scultrice Sophie Taeuber-Arp aderirono alla causa, così come il lirico, narratore, drammaturgo, medico e psicoanalista Richard Huelsenbeck. Infine, anche il rumeno Marcel Janco entrò nel gruppo.

Con mostre, eventi, bar e una piccola biblioteca specializzata, il Cabaret Voltaire è oggi aperto al pubblico. In questo vivace centro culturale, vengono gettati i ponti tra il Dadaismo e le correnti culturali e sociali contemporanee.